Società Benefit

Il 10 ottobre 2019 i soci hanno deliberato la trasformazione di Kataclima srl in società benefit. E’ stato così avviato un percorso che mira ad affiancare agli obiettivi perseguiti dalla società di capitali altri obiettivi di beneficio comune, per la collettività, i lavoratori, l’ambiente ecc.

Qui la relazione attività 2019, allegata al bilancio approvato e depositato in Camera di Commercio.

NB: in Italia lo status di “società benefit” non comporta alcun beneficio fiscale; a ns avviso è bene che resti così, per non rischiare che l’approccio innovativo e di lungo periodo sia “rovinato” da interessi speculativi di breve periodo.

_____________

Ha scritto E.M. Dodd: “Le attività di impresa sono permesse e incoraggiate dalla legge perché sono un servizio alla società piuttosto che fonte di profitto per i suoi proprietari” (Harvard Law Review, 1932).

Dopo quasi ottant’anni, le B Corporation realizzano l’intuizione vincente del celebre giurista americano. Si tratta ora di non demordere, non prestando ascolto a falsi maestri.

– Stefano Zamagni – Professore di Economia, Università di Bologna

“Kataclima intende perseguire una o piu’ finalita’ di beneficio comune e operare in modo responsabile, sostenibile e trasparente nei confronti di persone, comunità, territori e ambiente, beni e attivita’ culturali e sociali, enti e associazioni ed altri portatori di interesse”

(Statuto Kataclima srl Società Benefit, 2019)

Le finalità di beneficio comune assunte da Kataclima

Le Società Benefit (SB) rappresentano una evoluzione del concetto stesso di azienda. Mentre le società tradizionali esistono con l’unico scopo di distribuire dividendi agli azionisti, le società benefit sono espressione di un paradigma più evoluto: integrano nel proprio oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, lo scopo di avere un impatto positivo sulla società e sulla biosfera. Una Società Benefit è un nuovo strumento legale che crea una solida base per l’allineamento della missione nel lungo termine e la creazione di valore condiviso. Le società benefit proteggono la missione in caso di aumenti di capitale e cambi di leadership, creano una maggiore flessibilità nel valutare i potenziali di vendita e consentono di mantenere la missione anche in caso di passaggi generazionali o quotazione in borsa. Non si tratta di Imprese Sociali o di una evoluzione del non profit, ma di una trasformazione positiva dei modelli dominanti di impresa a scopo di lucro, per renderli più adeguati alle sfide e alle opportunità dei mercati del XXI secolo. Dal gennaio 2016 l’Italia ha introdotto, prima in Europa e prima al mondo fuori dagli USA (dove la forma giuridica di Benefit Corporation, equivalente alla Società Benefit italiana, è stata introdotta dal 2010 e ora esiste in 33 Stati), la Società Benefit per consentire a imprenditori, manager, azionisti e investitori di proteggere la missione dell’azienda e distinguersi sul mercato rispetto a tutte le altre forme societarie attraverso una forma giuridica virtuosa e innovativa.

https://www.
societabenefit.
net/

Le società benefit nell’ordinamento italiano

La Legge 208/2015 nell’istituire in Italia le Società benefit ha definito al comma 378 dell’art. 1 i seguenti elementi:

a) «beneficio comune»: il perseguimento, nell’esercizio dell’attivita’ economica delle societa’ benefit,  di  uno  o  piu’ effetti positivi, o la riduzione degli effetti  negativi,  su  una  o piu’ categorie di cui al comma 376;

b) «altri portatori di interesse»: il soggetto o  i  gruppi  di soggetti coinvolti,  direttamente  o  indirettamente,  dall’attivita’ delle societa’ di  cui  al  comma  376,  quali  lavoratori,  clienti, fornitori,  finanziatori,  creditori,  pubblica   amministrazione   e societa’ civile;