2018-08-31 Stop alle lampade alogene dal 1 Settembre 2018

A partire dal 1 Settembre 2018 entrerà in vigore in Europa, come previsto dal Regolamento CE 244/09, la messa al bando delle lampade alogene, a causa dell’elevato consumo energetico (di poco inferiore a quello delle vecchie lampadine a incandescenza, già fuori commercio). Lo stop riguarderà, in realtà, la produzione e l’importazione, dal momento che i commercianti potranno, comunque, continuare a vendere le rimanenti fino a esaurimento scorte. Inizialmente, il bando era previsto per il 2016, ma è poi stato posticipato al 2018 per permettere a tutti i Paesi di adeguarsi. Le uniche eccezioni all’applicazione della normativa riguardano pochi modelli (quelli con attacco R7s, le G9 e G4).

Formati di alogene che non saranno bandite dal 1° settembre 2018

La decisione si colloca all’interno di una strategia energetica europea e fa seguito al bando delle lampadine a incandescenza, realizzato in quattro fasi tra il 2009 e il 2012. L’obiettivo di questa strategia è quello di ridurre i consumi energetici orientando, quindi, le aziende ed i consumatori su soluzione più efficienti, dal punto di vista energetico, e meno impattanti sull’ambiente, in particolare la tecnologia LED. L’ENEA stima, infatti, che il passaggio porterà ad un risparmio, in termini di emissioni, di circa 15 mln di tonnellate di CO2 entro il 2025, nonché ad una diminuzione del consumo energetico annuo di circa 48 TWh (pari al consumo dell’intero Portogallo).

Il cambiamento porterà effetti positivi anche sulle famiglie, vista la differenza in termini di efficienza e ciclo di vita tra LED (15-20 anni) e l’alogeno (3-4 anni). In futuro, inoltre, è auspicabile pensare ad un ribasso dei costi della tecnologia LED che condurrà ad una sua più ampia diffusione.